Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



Carbonia Scrive: Detective Eric Shaw

Locandina Detective Eric Shaw Locandina Detective Eric Shaw

Nuovo appuntamento con la Rassegna "Carbonia Scrive", venerdì 26 Maggio alle ore 18.30, presso la Biblioteca Comunale di Carbonia in viale Arsia, si terrà la presentazione della trilogia del Detective Eric Shaw
"Il mentore", "Sindrome" e "Oltre il limite" di Rita Carla Francesca Monticelli: www.anakina.net/detectiveshaw.

 

IL MENTORE

A Londra si consuma una vendetta vecchia di vent’anni
Il confine tra crimine e investigazione si confonde ne “Il mentore”. In questo thriller procedurale tinto di noir il detective Eric Shaw della polizia scientifica di Scotland Yard indaga sui delitti di un possibile serial killer che sembrano collegati a un suo vecchio caso del passato e che indirizzano i suoi sospetti su una persona vicina a lui.
Ambientato nella Londra odierna, “Il mentore” ha come protagonista il quasi cinquantenne detective Eric Shaw, caposquadra della sezione scientifica di Scotland Yard, che si trova ad affrontare un periodo cruciale della propria vita. L’eccessiva dedizione al lavoro ha già causato il fallimento del suo matrimonio e l’ha trasformato in un poliziotto pronto a infrangere più di una regola pur di soddisfare la sua ossessione di assicurare i criminali alla giustizia. Il suo già precario equilibrio viene minato da una criminologa della sua squadra, molto più giovane di lui, Adele Pennington, per cui prova dei sentimenti che lui stesso considera inappropriati vista la differenza d’età, e da una serie di delitti sui quali indaga insieme alla figlioccia Miriam Leroux, detective della omicidi. Essi mostrano delle somiglianze con un caso irrisolto del 1994, nell’ambito del quale lo stesso Eric aveva tratto in salvo da una scena del crimine una bambina di sette anni, unica testimone del massacro della propria famiglia.
“Il mentore” non è però un romanzo poliziesco con lo scopo primario di individuare l’identità dell’assassino, bensì si concentra sull’osservare come il protagonista decide di reagire di fronte a tale scoperta. In un gioco d’inganni in cui le informazioni in possesso del protagonista e del lettore non corrispondono, quest’ultimo verrà catapultato nella Londra dei nostri giorni e finirà per chiedersi quale sia veramente il confine tra il bene e il male.

Sinossi
Vent’anni fa Eric l’aveva salvata.
Adesso chi avrebbe salvato lui?
Il quasi cinquantenne detective a capo di una squadra scientifica di Scotland Yard, Eric Shaw, si trova a investigare insieme alla detective Miriam Leroux sulla morte di un pregiudicato, ucciso con due colpi di pistola: uno al collo, in uno stile simile a quello di una inusuale esecuzione, ma preceduto da uno all’inguine, che sembra avere una connotazione più personale.
La sua attenzione sul lavoro è, però, spesso distratta dalla presenza di una criminologa della sua squadra, Adele Pennington, oltre vent’anni più giovane di lui, per la quale si rende conto di avere un interesse extra-professionale, peraltro non ricambiato.
Nel frattempo i dettagli di un delitto molto simile vengono descritti in uno dei tanti blog anonimi sulla rete, della cui esistenza la polizia londinese è completamente all’oscuro. L’autrice del blog si firma col nome Mina, come una delle vittime di un caso di Shaw di molti anni prima.
Conosci il detective Eric Shaw... e la sua allieva.
Un bestseller internazionale con oltre 170.000 lettori in tutto il mondo.

 

SINDROME

Il ritorno del detective Eric Shaw
La malattia mentale è solo un modo più accettabile di definire il male che alberga nell’animo di certe persone? Se lo domanda il detective Shaw in “Sindrome”. Questo thriller procedurale vede il ritorno dei personaggi de “Il mentore” nell’investigazione su due casi paralleli che coinvolgono in prima persona il protagonista.
A distanza di ventuno mesi dalla drammatica scoperta dell’identità del serial killer denominato ‘morte nera’, in “Sindrome” ritroviamo il caposquadra della scientifica Eric Shaw, la detective della omicidi Miriam Leroux e la criminologa Adele Pennington alle prese col caso dell’omicidio di due spacciatori collegati a un noto trafficante di droga, Aiden Murphy, evaso appena due settimane prima nell’assalto del furgone della polizia penitenziaria che lo stava riportando in prigione dopo un’udienza in tribunale. Eric, però, si trova a vivere un periodo difficile, combattuto tra il dovere di assicurare i criminali alla giustizia, che in passato l’ha talvolta spinto a manipolare le prove fisiche pur di impedire che il colpevole venisse scagionato, e la consapevolezza di essersi lui stesso reso connivente nei confronti di un’assassina, da cui suo malgrado non può o non vuole allontanarsi. Nella speranza di rimettere ordine nella propria vita, ha ripreso a frequentare una sua vecchia fiamma, la dottoressa Catherine Foulger, primario di pediatria dell’Ospedale St Nicholas di Londra. Ed è proprio per via di questa relazione che viene a conoscenza dell’accusa mossa da un’infermiera dello stesso reparto nei confronti della madre di un paziente, resasi a suo parere responsabile dei ripetuti peggioramenti del bambino. I due casi si dipanano in parallelo nel giro di pochi giorni durante i quali l’investigazione si intreccia fatalmente con la vita privata di Eric e con quella della sua allieva, in un susseguirsi di omicidi, colpi di scena e rivelazioni.
“Sindrome”, oltre a proporre al lettore due casi investigativi intrecciati che coinvolgono in prima persona i personaggi principali, sviluppa il dilemma con cui si è chiuso “Il mentore”: mette a nudo l’incapacità del protagonista di considerare totalmente sbagliati i delitti della sua allieva, che da bambina aveva assistito al massacro della propria famiglia. Ciò lo porterà a osservare da vicino il sottile limite che separa il bene dal male, ben sapendo che, se mai dovesse oltrepassarlo, non potrebbe più tornare indietro.

Sinossi
Cosa distingue la dedizione dall’ossessione?
Mentre indaga sull’omicidio di due pregiudicati collegati a un noto trafficante di droga londinese, resosi protagonista di una spettacolare evasione dal cellulare che lo stava riportando al penitenziario di Coldingley dopo un’udienza in tribunale, la squadra scientifica di Scotland Yard diretta dal detective Eric Shaw si ritrova coinvolta nel caso di un’infermiera che accusa una madre di essere responsabile di una serie di violenti episodi febbrili che hanno colpito suo figlio Jimmy, di soli dieci anni. Quest’ultima si accanirebbe sul proprio bambino, peggiorandone le condizioni di salute, per attirare su di sé l’attenzione e la compassione del personale sanitario.
Eric ne viene a conoscenza casualmente, poiché la pediatra che ha in cura il piccolo paziente, Catherine Foulger, è una sua vecchia fiamma, che il detective ha ripreso a frequentare di recente nella speranza di rimettere ordine nella propria vita dopo aver scoperto l’identità del serial killer denominato ‘morte nera’.
Ma la sua ex-compagna Adele Pennington, criminologa del Laboratorio di Scienze Forensi, non ha affatto accettato di buongrado questa nuova relazione.

 

OLTRE IL LIMITE
Fin dove saresti disposto a spingerti, per proteggere un segreto?
Il corpo senza vita di una donna in abito da sera viene scoperto nella sala delle feste del museo delle cere. Tutto farebbe pensare a un suicidio, ma il detective Eric Shaw, caposquadra della Scientifica di Scotland Yard intervenuto sul posto con la criminologa Adele Pennington, nota subito delle similitudini con il caso del serial killer soprannominato ‘chirurgo plastico’, risolto tre anni prima con l’arresto di un uomo: Robert Graham.
Forse qualcuno lo sta emulando oppure Graham aveva un complice, ma esiste una terza possibilità ed è questa in particolare a preoccupare Eric, che all’epoca, certo della colpevolezza del sospettato, aveva falsificato una prova fisica per assicurarne la condanna.
E se avesse compiuto un errore e mandato in prigione la persona sbagliata?
Le indagini lo riportano a lavorare con Miriam Leroux, la giovane detective della Omicidi che fino all’anno precedente collaborava con la sua squadra, e insieme a lei si ritroverà a seguire le tracce di un inafferrabile assassino, in una corsa contro il tempo lunga tre giorni.
Questo potrebbe anche essere il suo ultimo caso importante prima di un’eventuale promozione a sovrintendente, se non fosse per il fatto che il detective George Jankowski, in lizza per lo stesso avanzamento di grado, ha deciso di giocare sporco per mettere in cattiva luce il collega e favorire la propria carriera.
Nel farlo, però, questi finirà per avvicinarsi pericolosamente all’inconfessabile segreto custodito da Eric e dalla sua allieva.
L’atto finale del detective Eric Shaw, protagonista del bestseller internazionale “Il mentore”

Rita Carla Francesca Monticelli è nata a Carbonia nel 1974. Vive a Cagliari dal 1993, dove lavora come scrittrice, self-publisher, traduttrice letteraria e scientifica, blogger e web copywriter freelance. Laureata in Scienze Biologiche nel 1998, in passato ha ricoperto il ruolo di ricercatrice, tutor e assistente della docente di Ecologia presso il Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia dell’Università degli Studi di Cagliari.
Amante del cinema, ha mosso i primi passi nella scrittura cimentandosi nella realizzazione di soggetti cinematografici e sceneggiature originali, oltre che di fan-fiction.
Dal 2009 si occupa di narrativa.
Tra il 2012 e il 2013 ha pubblicato la serie di fantascienza “Deserto rosso”, composta da quattro volumi disponibili sia separatamente che sotto forma di raccolta.
Grazie alla pubblicazione di questa serie è stata indicata da Wired Magazine come una dei dieci migliori autori indipendenti italiani e ciò le è valso la partecipazione come relatrice al XXVII Salone Internazionale del Libro di Torino e alla Frankfurter Buchmesse 2014 (fiera internazionale del libro di Francoforte, Germania).
Sempre nel 2014 ha pubblicato il thriller “Il mentore” e il romanzo di fantascienza “L’isola di Gaia”. Nel 2015 ha inoltre pubblicato “Affinità d’intenti” (thriller) e “Per caso” (fantascienza), mentre è del maggio 2016 il crime thriller “Sindrome”, seguito de “Il mentore”.
È del novembre 2016 “Ophir. Codice vivente”, che fa parte di un ciclo fantascientifico denominato “Aurora” insieme a “Deserto rosso” e “L’isola di Gaia” (www.desertorosso.net) ed è stato recensito e promosso da Tom’s Hardware Italy a pochi giorni dalla sua pubblicazione. Lo stesso magazine ha recensito “Deserto rosso” e “L’isola di Gaia” nel 2014, e “Per caso” nel 2015.
Nel dicembre 2016 l’autrice è stata relatrice di un convegno sul self-publishing svoltosi durante la fiera della piccola e media editoria Più Libri Più Liberi a Roma.
Il suo dodicesimo libro, “Oltre il limite”, romanzo finale della trilogia del detective Eric Shaw (www.anakina.net/detectiveshaw), uscirà il 21 maggio 2017.
Finora tutti i suoi libri sono stati bestseller Amazon e Kobo in Italia.
I libri della serie di “Deserto rosso” sono disponibili anche in inglese col titolo “Red Desert”, l’edizione inglese de “Il mentore”, col titolo “The Mentor” (bestseller negli Stati Uniti), è stata pubblicata nel novembre 2015 da AmazonCrossing (editore americano appartenente al gruppo Amazon), mentre quella di “Affinità d’intenti” è stata pubblicata nell’aprile 2016 col titolo “Kindred Intentions.”
Appassionata di fantascienza e soprattutto dell’universo di Star Wars, è conosciuta nel web italiano con il suo nickname Anakina e di tanto di tanto presta la sua voce e la sua penna al podcast e blog FantascientifiCast. È inoltre una rappresentante ufficiale italiana dell’associazione internazionale Mars Initiative e un membro dell’International Thriller Writers Organization.
Nell’anno accademico 2015-2016 è stata docente di un corso integrativo intitolato “Laboratorio di self-publishing nei sistemi multimediali” nell’ambito del corso di laurea in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi dell’Insubria (Varese).

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 140 volte Ultima modifica il Martedì, 23 Maggio 2017 17:01