Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



Carbonia: Le vie dell’Ambra di Antonello Pellegrino

Locandina presentazione "Le vie dell’Ambra" Locandina presentazione "Le vie dell’Ambra"

Venerdì 9 Settembre 2016, alle ore 18,30 presso il Parco Archeologico di Monte Sirai a Carbonia, si terrà la presentazione del libro di Antonello Pellegrino Le vie dell’Ambra.
Modererà l’incontro dell’autore con il Pubblico l’Archeologa Carla Perra
Cureranno Letture di brani le Bibliotecarie del Sistema Bibliotecario Interurbano del Sulcis, Agostina Littarru e Anna Paola Peddis.
Organizza il Comune di Carbonia in collaborazione con l'autore, Antonello Pellegrino, con il SIMUC (Sistema Museale Cittadino) e con lo SBIS (Sistema Bibliotecario Interurbano del Sulcis).

 

L'autore:

Antonello Pellegrino, è nato nel 1960 ad Imperia da genitori sardi. Ingegnere e scrittore, esperto di informatica , appassionato di storia, archeologia e ricerca scientifica, vive e lavora a Cagliari. Si occupa di infrastrutture e di tecnologie dell´informazione e della comunicazione, in qualità di dirigente presso la Regione Autonoma della Sardegna ed è Autore di testi per la scuola secondaria e l´università.
Ha esordito nella narrativa con il romanzo di ambientazione protostorica Bronzo (2006).
Con Dalla scura terra (2010) ha voluto dare continuità all’intreccio precedente, regalando così ai lettori il seguito di un’avventura emozionante e ben congegnata, con due piani temporali narrativi che si intrecciano e rincorrono fino al colpo di scena finale.
La raccolta di racconti storici Angelus risale al 2013
Il romanzo Le vie dell’ambra (2016), completa la trilogia nuragica, con tre storie unite da una materia, l´ambra, che infonde loro calore e lucentezza per farle arrivare fino a noi attraverso la prosa magnetica ed elegante dell'autore, a cavallo tra avventura contemporanea e ambientazione preistorica.

Il libro:

Un misterioso occhio d'ambra riemerge da un relitto sui fondali della Sardegna. La verità va ben oltre lo scetticismo che accompagna le ricerche dell'archeologo Gianni Mele: un reperto inusuale, dell'età del Bronzo, giunto da chissà quali luoghi su una nave che sembra far ritorno all'isola nella quale fu costruita. Una storia millenaria che si snoda attraverso viaggi, commerci, scambi di culture e di destini, dalla Sardegna all'Irlanda. Dove la regina dei Partholan, Dealgnaid, donò il suo prezioso monile al nipote dell'esploratore Olai, perché ne guidasse i passi di schiavo lungo la pericolosa via dell'ambra alla ricerca delle sue origini, incontro al suo fato. E dove, per le imperscrutabili vie della sacerdotessa, lo riceverà in dono Aileen, una giovane coraggiosa in cerca della verità sui miti della sua terra che una nuova religione cerca di offuscare.

Altre opere:

Bronzo (2006)
Mediante un avveniristico sistema di elaborazione geografica viene scoperta una tomba di giganti ancora inviolata. Una parte del contenuto dell'antico sepolcro, inspiegabile per gli archeologi, apre uno spiraglio su una lontana tragedia... Dentro questo enigma una civiltà millenaria rivive con le sue passioni e i suoi sogni, in un Mediterraneo già allora luogo di scontro, ma anche di scambio, tra i popoli di tre continenti. Attraverso le tracce della storia e gli strumenti del futuro, i protagonisti, coloro che cercano, manifestano il medesimo desiderio di conoscenza che annulla le distanze temporali facendo convergere le loro vite parallele. Emozioni e speranze si intrecciano, sorrette da visioni universali che uniscono gli animi dei "Shirideàn". Una trama che si sviluppa su due piani temporali distinti fa rivivere al lettore l'avventurosa saga di un drappello di coraggiosi pionieri nuragici e le vicende di un suggestivo giallo archeologico.

Dalla scura terra (2010)
Irlanda, in un prossimo futuro. Alcuni ricercatori si concentrano su un ritrovamento archeologico molto inusuale. Due corpi avvinghiati nella morte, sprofondati nella torba. Che segreto nasconde il loro decesso? Perché qualcuno si interessa così da vicino ed in modo estremamente pericoloso agli studi che la dottoressa O'Connor effettua sulle mummie? Ai suoi occhi si apre un mondo affascinante, sconosciuto, che un giovane archeologo italiano, volato fino a Dublino, cerca di decifrare, anche con l'aiuto della collega irlandese. Scopriranno a loro spese che il passato, a volte, non è solo materia per bonari studiosi. Scopriranno le tracce di Olai e dei suoi guerrieri Sherdna, venuti dal mare in cerca dello stagno, per forgiare le loro temibili armi, ed approdati laddove una popolazione locale, guidata da una affascinante sacerdotessa della Grande Madre, cerca di difendersi dai terribili demoni Fomor...

Angelus risale al 2013
Mediante un avveniristico sistema di elaborazione geografica viene scoperta una tomba di giganti ancora inviolata. Una parte del contenuto dell'antico sepolcro, inspiegabile per gli archeologi, apre uno spiraglio su una lontana tragedia... Dentro questo enigma una civiltà millenaria rivive con le sue passioni e i suoi sogni, in un Mediterraneo già allora luogo di scontro, ma anche di scambio, tra i popoli di tre continenti. Attraverso le tracce della storia e gli strumenti del futuro, i protagonisti, coloro che cercano, manifestano il medesimo desiderio di conoscenza che annulla le distanze temporali facendo convergere le loro vite parallele. Emozioni e speranze si intrecciano, sorrette da visioni universali che uniscono gli animi dei "Shirideàn". Una trama che si sviluppa su due piani temporali distinti fa rivivere al lettore l'avventurosa saga di un drappello di coraggiosi pionieri nuragici e le vicende di un suggestivo giallo archeologico.

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 516 volte Ultima modifica il Giovedì, 08 Settembre 2016 19:12