Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



25 Novembre

25 NOVEMBRE 1960 LE TRE SORELLE MIRABEL VENGONO ASSASSINATE DAI SICARI DEL DITTATORE DOMINICANO TRUJILLO.

25 NOVEMBRE 1999 L’ASSEMBLEA GENERALE DELLE NAZIONI UNITE PROCLAMA LA GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE.

25 NOVEMBRE 2012 "MAI PIU’ COMPLICI" IN TUTTA ITALIA E, A CARBONIA, FIACCOLATA IN PIAZZA ROMA PER LE OLTRE 100 DONNE ASSASSINATE NEL 2012 E PER TUTTE LE DONNE OGGETTO DI VIOLENZA IN CASA E FUORI CASA: PER LE DONNE NESSUN LUOGO E’ COMPLETAMENTE SICURO.

 

Gli omicidi e le violenze in famiglia sono sempre esistiti, ma non sono una cosa normale e non si superano se non vengono nominati per quello che sono, non sono “amore criminale”, ma manifestazioni di abuso da parte di chi concepisce l’amore e la sessualità come controllo, sottomissione, dominio … ma l’amore è relazione, scambio, dignità, rispetto. I femminicidi non sono dovuti a raptus o a follia, come i casi di aggressione sessuale, di abuso psicologico, di minacce, di stalking, che nel 90% dei casi non vengono riconosciuti e tanto meno denunciati (ma … anche in caso di denuncia, che cosa succede nei tempi lunghissimi che vanno dalla richiesta di aiuto alla condanna?). Si tratta di comportamenti tollerati dalla società e dal sistema, che non possono convivere con la libertà femminile che ciascuna conquista a partire da sé e in relazione con le altre donne. Rompiamo il buio e il silenzio sugli abusi in famiglia e sulla solitudine di chi li subisce, ma anche di chi li esercita, per prevenire la violenza di genere che si impara prima di tutto dai padri e dai fratelli maggiori violenti contro le proprie madri e le proprie sorelle.

 

MAI PIU’ COMPLICI CON "SE NON ORA QUANDO"

ROMPIAMO IL BUIO E IL SILENZIO SUGLI ABUSI IN FAMIGLIA E SULLA SOLITUDINE DI CHI LI SUBISCE, MA ANCHE DI CHI LI ESERCITA, AL FINE DI PREVENIRE LA VIOLENZA DI GENERE CHE SI IMPARA PRIMA DI TUTTO DAI PADRI E DAI FRATELLI MAGGIORI VIOLENTI CONTRO LE PROPRIE MADRI E LE PROPRIE SORELLE.

 

PARTECIPIAMO INSIEME

Sabato, 17 novembre, alle ore 17,30
presso la Biblioteca Comunale di Carbonia, alla proiezione del film “Ti do i miei occhi” di Iciar Bollain.

Venerdì, 23 novembre, alle 17,30
presso la biblioteca comunale di Carbonia, alla proiezione del film “Tina” di Brian Gibson.

Domenica, 25 novembre
in piazza Roma, dalle ore 18,00, alla fiaccolata per rompere insieme il buio e il silenzio.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 1145 volte Ultima modifica il Martedì, 13 Novembre 2012 12:14