Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



Villamassargia: Laboratorio Pasolini: teoria del segno e del cinema

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Villamassargia in collaborazione con Sistema Bibliotecario Interurbano del Sulcis - Biblioteca Multimediale “Amelia Camboni” presenta: Laboratorio Pasolini: teoria del segno e del cinema, Quodlibet Studio, 2018. 
Quando: Giovedi 3 gennaio2019 ore 16:30
Dove: Biblioteca Comunale “Amelia Camboni” di Villamassargia Via Monte, 20
Per info 0781/74436

L’autore
Paolo Desogus lavora come ricercatore associato per l’Équipe littérature et culture italiennes dell’Université Paris-Sorbonne, presso cui ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in co-tutela con l’Università di Siena. La sua tesi di dottorato riguarda lo stile indiretto libero nell’opera di Pier Paolo Pasolini e ha ottenuto il Premio Pasolini nel 2015. I temi di ricerca di Desogus riguardano soprattutto il rapporto tra cultura e politica, e hanno come punto di riferimento, oltre al pensiero e l’opera di Pasolini, il lavoro intellettuale di Antonio Gramsci e le indagini antropologiche di Ernesto de Martino.

Il Libro
Laboratorio Pasolini : teoria del segno e del cinema Questo libro indaga le principali questioni linguistiche e semiotiche che nel corso degli anni Sessanta Pier Paolo Pasolini ha approfondito nei suoi scritti sul cinema e che ha ripreso in forma sperimentale nei suoi film (La ricotta, Appunti per un’Orestiade africana, Edipo re, Teorema, Salò e le 120 giornate di Sodoma). Attraverso queste opere, ma senza trascurare lo stretto rapporto con l’attività letteraria precedente, il volume si concentra sul rapporto tra segno visivo e realtà, sul problema semiotico dello stile e sul carattere politico dell’espressione artistica. Laboratorio Pasolini offre inoltre un approfondito studio sul rapporto tra cinema e letteratura anche attraverso il dibattito nato dalle critiche alla controversa interpretazione pasoliniana dello strutturalismo, sollevate in particolare da Umberto Eco, Christian Metz ed Emilio Garroni.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 133 volte