Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



25 Aprile 2015: Il 70° anniversario della liberazione

25 aprile 2015 25 aprile 2015

Il 25 Aprile del 2015 cade il 70° anniversario della liberazione. Una pagina fondamentale della storia del nostro Paese, alla quale dedichiamo, in questo "speciale" una serie di approfondimenti per raccontare gli eventi che la caratterizzarono.

Si tratta di una raccolta di documenti che vanno dai testi ai film, dai siti web alla raccolta di documenti audiovisivi dell'epoca e non solo. Si è cercato di raccogliere in questa pagina parte della documentazione reperibile, in modo che ciascuno possa, attraverso la consultazione, ricordare o conoscere ciò che rappresenta questa ricorrenza per il Paese.

Raccolta di documenti audiovisivi reperibili sul web

  • Sette righe di storia -  Regia: Paolo Di Nicola - Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico  - Anno: 2001
    Il film affronta la tragica vicenda dell'eccidio delle Fosse Ardeatine. Liberamente ispirato allo spettacolo teatrale Radio Clandestina di Ascanio Celestini (a sua volta nato dal libro di Alessandro Portelli "L'ordine è già stato eseguito"), il film propone un coinvolgente percorso narrativo, in cui la voce monologante di Celestini funge da guida nella ricostruzione dei fatti, evocati da immagini di repertorio, ma anche visti con gli occhi di uno studente di oggi ...Continua

 

  • La RESISTENZA NEL CINEMA ITALIANO - RAI Scuola Università:
    • Lotte in fabbrica
      L’unità raccoglie alcune scene da film di registi italiani che riproducono drammatici momenti della resistenza. Dalla proclamazione dell’armistizio in una sequenza de Gli sbandati di Francesco Maselli (1955), a Un giorno da leoni di Nanni Loy (1961), dove i partigiani, organizzati in formazioni di diversa impostazione politica, costituiscono una costante minaccia per il retrofronte tedesco. ...Continua
    • I partiti uniti nella lotta
      Il filmato, tratto da una trasmissione televisiva del 1970, affronta il tema della Resistenza così com’è stata rivisitata dal cinema italiano. I movimenti nazionali di lotta armata contro l’occupazione tedesca e le forze filonaziste, sono rappresentati, oltre che come fatto nazionale di valenza storica, anche come fenomeno sociale. ...Continua
    • I partiginai al fianco degli alleati
      Le città distrutte, le truppe americane e inglesi che si scontravano sul territorio nazionale contro i tedeschi, il senso di sconfitta e disperazione, l’aspra guerra partigiana messa in atto da tanti italiani affamati e desiderosi di libertà caratterizzarono l’Italia nel periodo successivo alla firma dell’armistizio dell’8 settembre 1943, con il quale il paese si arrese agli alleati. Ma anche l’orgoglio e lo spirito di rivalsa che animarono la vita intellettuale del paese, oltre che la lotta per la liberazione, furono componenti essenziali del sentire nazionale. ...Continua
    • Dopo l`8 settembre 1943
      Dopo la fuga del re e di Badoglio, l`Italia diventa una nazione allo sbando. Privi di riferimenti e stremati dalla guerra, molti italiani decidono, tuttavia, di continuare a combattere. La Resistenza si organizza. Nel filmato troviamo sequenze tratte da film italiani che testimoniano la grande confusione che regna dopo l`8 settembre, le incertezze, le paure ma anche gli atti di eroismo che hanno contrassegnato quel periodo. Dopo l`attentato di via Rasella a Roma, per rappresaglia, trecentotrentacinque ebrei e antifascisti vengono uccisi alle Fosse Ardeatine. Il filmato propone le testimonianze delle madri e delle vedove di alcune vittime della strage. ...Continua
  • Roma: l'occupazione tedesca e la resistenza - - RAI Scuola Università
    Il 14 agosto 1943, dopo il secondo bombardamento della capitale, il governo Badoglio dichiara Roma “città aperta” e si appresta a smilitarizzare la città, al fine di salvaguardarne l’inestimabile patrimonio storico e artistico. Pochi giorni dopo, però, l’armistizio chiesto dal governo italiano suscita la reazione immediata dei tedeschi che inaugurano un periodo di violenta ritorsione inducendo alla fuga la famiglia reale. ...Continua
  • I Comitati di Liberazione Nazionale: i testimoni - - RAI Scuola Università
    Il senatore Leo Valiani (Fiume, 1909 - Milano, 1999) racconta a una classe liceale la Resistenza, organizzata dal Comitato di Liberazione Nazionale italiana, nelle regioni dell’Italia settentrionale, ancora occupata dalle truppe tedesche. Il governo che i partiti antifascisti formarono nella Roma liberata, nel giugno 1944, prese alcune decisioni importanti per la liberazione del resto del paese. La prima fu l’elezione di un’assemblea costituente fra i membri delle istituzioni monarchiche e quelle repubblicane. ...Continua
  • La repubblica dell'Ossola. L'italia della resistenza - - RAI Scuola Università
    Utilizzando materiale iconografico e di repertorio, l`unità didattica ricostruisce quella pagina luminosa della storia della Resistenza italiana conosciuta con il nome di Repubblica dell`Ossola.  La Repubblica dell’Ossola durò solamente 33 giorni. Un territorio di quasi duemila chilometri quadrati fu liberato dai partigiani e diventò un vero e proprio Stato con un governo, un esercito e una capitale: Domodossola. Fu un esperimento democratico che stupì il mondo intero perché venne realizzato all’interno di un paese in guerra. Tutto cominciò nell’agosto del 1944 ...Continua
  • Fosse Ardeatine: il massacro. Roma 1944 - - RAI Scuola Università
    Roma, Via Rasella, 23 marzo 1944: una bomba esplode improvvisamente colpendo un drappello di soldati SS. L’attentato, come verrà reso noto in seguito, è un avvertimento della Resistenza italiana contro gli invasori tedeschi. La rappresaglia nazista scatta immediatamente: per ogni tedesco ucciso pagheranno con la vita dieci italiani, scelti tra i detenuti politici e comuni di Regina Coeli e del carcere di via Tasso. ...Continua
  • La battaglia di Montelungo: 1943, testimonianze. L`Italia della resistenza - - RAI Scuola Università
    Mercoledì 8 dicembre 1943 per i contingenti del rinato esercito italiano è previsto l`attacco a Montelungo. Gli italiani arrivano in prima linea nella notte di lunedì 6, danno il cambio agli americani del centoquarantunesimo reggimento fanteria e prendono posizione sui pendii orientali della quota 253. ...Continua
  • Diari. Aprile 1945 - Viaggio nella memoria della Resistenza  - - RAI: La storia siamo noi
    Il ricordo dei giorni della Liberazione attraverso i diari raccolti dall'Archivio Diaristico di Pieve Santo Stefano. Con la partecipazione dell'attore teatrale Ascanio Celestini. All’indomani della caduta di Mussolini, alle 19,30 dell’ 8 settembre 1943 Badoglio comunica che l’armistizio con gli eserciti alleati è stato firmato. Meno di otto ore dopo, all’alba del 9 settembre, la famiglia reale e Badoglio lasciano Roma diretti a Pescara e poi a Brindisi. ...Continua
  • Partigiani - Storia di quattro ragazzi - - RAI: La storia siamo noi
    Giacomina, Billy, Laila, Toni e tutte le altre centinaia, migliaia di persone comuni che in tutta Italia ma soprattutto nel Nord hanno deciso di combattere il Nazifascismo in prima persona, hanno lasciato tutto, sono andati sulle montagne e chi è rimasto in città organizza la lotta clandestina: è la storia della Resistenza raccontata nella quotidianità di quattro partigiani. ...Continua
  • 25 Aprile a Milano - La Liberazione   - - RAI: La storia siamo noi
    Mercoledì 25 aprile 1945, ultimo atto del fascismo. I partigiani e le popolazioni civili insorti contro i nazifascisti hanno già liberato Bologna, Genova e Venezia prima dell'arrivo degli Alleati. Ora è la volta di Milano e l'insurrezione nella città sarà il grido di liberazione dopo un inverno terribile di fame di violenza e di distruzione. ...Continua
  • In lotta per la Libertà - La Resistenza italiana - - RAI: La storia siamo noi
    Il 25 aprile 1945 segna la fine della guerra in Italia e l’inizio di una nuova storia nazionale. Le forze della Resistenza, dopo due anni di lotta contro l’esercito nazista e i fascisti della repubblica di Salò, vincono. La loro azione libera intere regioni, facilita l’avanzata delle truppe alleate e del ricostituito esercito italiano lungo la valle padana, salva porti e impianti industriali. Grandi e piccoli centri insorgono uno dopo l’altro ma il momento decisivo è l’insurrezione delle grandi città del nord, Genova, Milano, Venezia, dove gli uomini armati delle montagne si congiungono ai gruppi che già operano per le vie e per le piazze. ...Continua
  • 1945: nodo di sangue - La vendetta - - RAI: La storia siamo noi
    Il 15 maggio del 2006 nel suo discorso di insediamento il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha espresso l'importanza che l'Italia acquisti una memoria condivisa su quella primavera del 1945: "Il valore della Resistenza non può essere dimenticato, ma le aberrazioni ci sono state e vanno raccontate". ...Continua
  • La via delle canoniche - Chiesa e Resistenza - - RAI: La storia siamo noi
    I rapporti tra Chiesa e fascismo dalla marcia su Roma all' 8 settembre 1943 Secondo la storica Emma Fattorini l'incontro tra Pio XI e Mussolini avviene in un clima di grandi aspettative. La famosa frase del Pontefice su Mussolini 'uomo della provvidenza', indica una sintonia, un'affinità, data anche dall'apprezzamento della Chiesa che auspica un ritorno ai principi intransigenti, dell'autorità, della patria, come risposta alle conquiste della modernità, tra cui la democrazia, verso la quale la Chiesa non ha alcuna simpatia. ...Continua
  • Una mattina di agosto - La strage di Sant`Anna di Stazzema - - RAI: La storia siamo noi
    Nell’agosto del 1944, la ferocia degli occupanti nazifascisti si scatena contro la popolazione di Sant’Anna di Stazzema, nel premeditato e deliberato tentativo di indebolire le formazioni partigiane. Quattro divisioni SS, accompagnate da collaborazionisti italiani, massacrano 560 civili inermi. ...Continua
  • Cefalonia 1943 - L`eccidio della divisione Acqui - - RAI: La storia siamo noi
    Dopo l'armistizio del 1943, i soldati italiani devono fare una scelta: combattere a fianco dei tedeschi, cedere le armi oppure resistere. Il 22 settembre 1943 la divisione Acqui viene sterminata nonostante la resa, dopo giorni di sanguinosi combattimenti. ...Continua
  • Morte a Roma - La strage delle Fosse Ardeatine - - RAI: La storia siamo noi
    La mattina del 25 marzo 1944 su "Il Messaggero" si legge: Nel pomeriggio del 23 marzo 1944, elementi criminali hanno eseguito un attentato contro una colonna tedesca di polizia in transito per via Rasella (...) Il Comando tedesco è deciso a stroncare l'attività di questi banditi scellerati ed ha perciò ordinato che per ogni tedesco ammazzato dieci criminali comunisti-badogliani saranno fucilati. L'ordine è già stato eseguito. ...Continua
  • Ribelli per amore - I Cattolici e la Resistenza  - - RAI: La storia siamo noi
    Si chiamava Resistenza cattolica e raramente se ne è parlato durante gli anni che sono seguiti alla Seconda Guerra Mondiale. Attraverso l'inchiesta di Fabrizio De Villa e Alessandro Arangio Ruiz, con la collaborazione dell'istituto Luigi Sturzo, La Storia siamo noi ha ricostruito la vicenda poco nota della "resistenza cattolica", raccogliendo le testimonianze di molti che in quei giorni erano in prima fila a combattere per la libertà. Un lavoro iniziato nel 1988 che ha permesso di ricostruire le gesta eroiche dei cattolici che furono coinvolti in una vera e propria guerra civile, come definì quel periodo lo storico Claudio Pavone. ...Continua
  • La Repubblica di Montefiorino - Le prime elezioni libere dopo il fascismo - - RAI: La storia siamo noi
    Nell'estate del 1944, durante i momenti più bui della guerra in Italia, in un piccolo paese dell'appennino tosco-emiliano si riaccende la speranza nella liberazione e nella conquista dei diritti democratici soppressi dal regime fascista. La determinazione delle milizie partigiane e il coraggio della popolazione civile rendono possibile la creazione di un'amministrazione autonoma nel bel mezzo dei territori ancora controllati dalle truppe di occupazione tedesche, proprio nelle retrovie della linea gotica, la linea difensiva della Wehrmacht che attesta il fronte nell'Italia settentrionale attraversando la penisola da Massa Carrara a Pesaro. ...Continua
  • Le quattro giornate di Napoli - La rivolta contro gli occupanti tedeschi. 28 settembre - 1° ottobre 1943 - - RAI: La storia siamo noi
    Una città sotto assedio, bersaglio dichiarato di tutti gli eserciti, degli alleati come dei nazisti. Questa è Napoli nei suoi giorni più difficili, dopo l'armistizio dell'8 settembre '43. La città vive ore drammatiche in attesa di una liberazione che non sembra arrivare mai mentre si susseguono distruzioni su vasta scala, rastrellamenti e deportazioni di civili da parte tedesca. E così, dal 28 settembre al 1° ottobre 1943, i napoletani decidono di impugnare le armi e di combattere strada per strada, vicolo per vicolo contro gli ex alleati divenuti a tutti gli effetti occupanti. ...Continua
  • I fratelli Cervi - Un padre e i suoi figli - - RAI: La storia siamo noi
    Il 28 dicembre del 1943 a Reggio Emilia vengono fucilati i sette figli del noto antifascista Alcide Cervi: Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio ed Ettore. La stessa sorte tocca a Quarto Camurri, loro compagno di battaglia. Si tratta di una rappresaglia per la morte violenta, mai rivendicata, del segretario del PFR di Bagnolo in Piano. Le vittime erano state arrestate il 25 novembre, dopo uno scontro a fuoco svoltosi nella loro masseria di Praticella, epicentro delle azioni partigiane della zona. ...Continua
  • 25 Aprile: storia di una giornata memorabile - - Rai Storia
    Una puntata dedicata alla Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazifascista. Una Liberazione che è stata sì una grande festa di popolo, ma che ha coinciso anche con una pagina drammatica della nostra storia: la resa dei conti con il fascismo e con i fascisti, chiamati a rispondere di vent’anni di regime. Massimo Bernardini inizia a raccontare la storia di questo straordinario avvenimento partendo dal 1943, perché è dall'estate di quell'anno che l'Italia comincia ad essere liberata, dalla Sicilia a salire verso il nord per arrivare al 25 aprile del 1945, la data che gli italiani hanno scelto per celebrare la Liberazione. ...Continua
  • 25 Aprile la memoria inquieta (1995) di Guido Chiesa e Giovanni De Luna
    Il 25 Aprile non è mai stata la festa di tutti gli italiani. La sua è sempre stata una memoria inquieta. Realizzato in occasione del 50mo della Liberazione per RAI 3, questo documentario di montaggio racconta come la Rai ha rappresentato nel corso del dopoguerra la memoria della Resistenza, oscillando tra retorica e la complessità, di volta in volta inedita, del presente. Lo storico Giovanni De Luna è l'autore, mentre la regia è di Guido Chiesa. ...Continua

 Alcuni siti web

http://www.anpi.it/ Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

http://www.fiapitalia.it/ Federazione Italiana Associazioni Partigiane

http://www.anrp.it/ Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, dall’Internamento e dalla Guerra di Liberazione

http://www.italia-resistenza.it/ INSMLI - Portale della rete degli Istituti per la storia della Resistenza e della società contemporanea in Italia. 

http://www.istlibpn.it/ Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione e dell’Età Contemporanea di Pordenone

http://www.iveser.it Istituto Storico Veneziano per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea

http://www.istoresistenzatoscana.it/ Istituto storico della Resistenza in Toscana

http://www.istoreto.it/ Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea

http://www.istitutogasparini.it/ Centro isontino di ricerca e documentazione storica e sociale “Leopoldo Gasparini” di Gradisca d’Isonzo (GO).

http://www.ultimelettere.it/ Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana

http://www.fratellicervi.it/ Il Museo dei fratelli Cervi

http://www.museodellaresistenza.it/ Il Museo audiovisivo della Resistenza di Massa Carrara e La Spezia

http://www.memoria.provincia.arezzo.it/  Museo virtuale dell’antifascismo e della Resistenza

http://archividellaresistenza.it/ Archivi della Resistenza

http://www.resistenzatoscana.it/  Resistenza Toscana

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 1881 volte Ultima modifica il Giovedì, 23 Aprile 2015 16:28