Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



La storia

Il Sistema Bibliotecario Interurbano del Sulcis (S.B.I.S.), nasce nel 1988 come libera associazione di 7 comuni (Carbonia, Domusnovas, Giba, Portoscuso, San Giovanni Suergiu, Teulada, Sant’Antioco), più la Società Umanitaria, che interviene nel Sistema mediante il Centro Audiovisivi. Il suo sviluppo negli anni è stato caratterizzato da una crescita delle adesioni e allo stato attuale vi aderiscono i seguenti paesi: Carbonia (Centro Sistema), Carloforte, Giba, Gonnesa, Masainas, Narcao, Perdaxius, Piscinas, Portoscuso, Sant’Antioco, Sant’Anna Arresi, San Giovanni Suergiu, Santadi, Teulada, Tratalias, Villamassargia, Villaperuccio e la Società Umanitaria.

Sin dai primi anni, grazie ai servizi offerti attraverso il Centro Audiovisivi (laboratori cinematografici, televisivi, fotografici, di animazione, del fumetto, informatici multimediali), che rappresenta quindi un valore aggiunto, il Sistema Bibliotecario del Sulcis si differenzia positivamente dalla tradizionale organizzazione di Sistema Bibliotecario. Questo elemento distintivo viene rafforzato con l’adesione, nel 1998, del “Servizio territoriale di raccolta, catalogazione e gestione del materiale locale non librario”, che permette di offrire all’utenza il patrimonio culturale del proprio territorio, attraverso il censimento, il riordino, la schedatura, l’indicizzazione e l’informatizzazione dei documenti reperiti presso archivi privati e pubblici. Attualmente l’assetto dello S.B.I.S. porta il Sistema (circa 90.000 abitanti), a essere un Centro privilegiato di promozione culturale (circa 85.000 prestiti annui) con lo scopo di assicurare un adeguato servizio alle biblioteche collegate che, situate in piccoli e medi comuni, difficilmente avrebbero la possibilità di accedere a un patrimonio così completo e vasto (circa 140.000 volumi).
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 1003 volte Ultima modifica il Mercoledì, 07 Settembre 2011 11:38
Altro in questa categoria: « Gli obiettivi La struttura organizzativa »