Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



Villamassargia: Jona che visse nella balena

Locandina Locandina

’L'Assessorato alla cultura del comune di Villamassargia in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Interurbano del Sulcis e la Scuola Elementare, ha organizzato un incontro con 30 ragazzi per celebrare il “Giorno della memoria” delle vittime dell'Olocausto.
Venerdi 12 Febbraio 2016, presso la Biblioteca Comunale Via Monte n. 20 a Villamassargia, gli operatori della biblioteca, introdurranno il lavoro cinematografico del regista Roberto Faenza " Jona che visse nella balena" subito dopo la proiezione seguirà un confronto-discussione con i ragazzi sugli aspetti salienti del film. 

Il Film:

A quattro anni, Jona Oberski che vive ad Amsterdam con i genitori ebrei Max e Hanna. a causa dell'occupazione nazista della città, è costretto con la sua famiglia a trasferirsi in un campo di smistamento tedesco. Gli Oberski sono destinati a passare da un campo di raccolta all'altro, per essere poi scambiati con prigionieri germanici. A 7 anni, Jona ha già subíto freddo, fame, paure e sofferenze: sempre insieme per sua fortuna ai genitori (in baracche comunque diverse), il bambino è obbligato a farsi un mondo suo, subendo anche momenti umilianti o angherie anche degli altri ragazzi, abituandosi al filo spinato e alle voci minacciose. Rarissimamente un gesto gentile (l'anziano cuoco di un lager, o il medico dell'ambulatorio). Poi l'ultimo incontro amoroso dei genitori: la morte del padre stremato nel fisico; quella della madre semidelirante (curata ormai in un ospedale sovietico): l'assistenza di una ragazza a cui quella lo ha affidato e, infine, nel 1945, la generosa accoglienza dei Daniel, una matura coppia abitante ad Amsterdam. E' tutto ciò che resta a Jona a testimonianza del suo passato e delle radici amarissime, nel quadro di una tragedia immane, da cui il bambino è uscito solo per la sua tenacia e per la memoria incancellabile di sua madre, che anche morente ha continuato a dirgli "non odiare nessuno".

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Letto 646 volte Ultima modifica il Giovedì, 11 Febbraio 2016 11:54